Se lasci l’auto in garage e vai in bici trovi in busta paga 20 dollari in più

da Repubblica.it del 28 ottobre 2008:

PIU’ PEDALI e più ti ricarichi: lo slogan ha il retrogusto della pubblicità di un telefonino ma in realtà promuove un’iniziativa molto seria, capace di dare una mano all’ambiente, ai cittadini e persino alle tasche sempre insoddisfatte dei datori di lavoro. La formula magica si chiama Bicycle Commuter Act ed entrerà in vigore negli Stati Uniti a gennaio 2009 grazie alla firma di George W. Bush. A partire dall’anno prossimo tutti i lavoratori americani che lasceranno a casa la macchina per andare a lavoro in bicicletta riceveranno un bonus di 20 dollari a fine mese sulla busta paga, totalmente esenti da tasse. I datori di lavoro potranno a loro volta scaricare quei soldi dalla dichiarazione dei redditi e il cerchio perfetto si chiuderà.

Il presidente repubblicano che disse no agli accordi di Kyoto lascerà la Casa Bianca dando il via libera a un provvedimento ambientalista che mette tutti d’accordo. “E’ una legge che finalmente riconosce un incentivo a chi si muove in bicicletta, al pari di quanto già viene fatto con chi usa i mezzi pubblici”, spiega il presidente della Lega dei ciclisti americani Andy Clarke. Secondo la relazione trimestrale del congresso statunitense, l’intera operazione costerà al governo qualcosa come 10 milioni di dollari in 10 anni.

Il Bicycle Commuter Act è solo una delle tante manovre economiche previste dalle 451 pagine dell’Emergency Economic Stabilization Act of 2008 approvato due settimane fa per far fronte alla crisi, e che prevede lo stanziamento federale di 700 miliardi di dollari. E’ insomma quello che gli americani chiamano “pork barrel”, vale a dire un provvedimento marginale, generalmente di politica sociale, inserito all’interno di un disegno di legge più ampio e meno popolare.


Per compensare il cattivo impatto che molti provvedimenti economici avranno e già hanno sulla popolazione (perché portatori di tagli ai servizi e licenziamenti), il governo uscente ha pensato di riconoscere un piccolo incentivo a tutti quegli americani che vanno a lavoro senza inquinare. “Non abbiamo deciso noi di far approvare la legge in questo modo, ma adesso che è passata siamo felici: la aspettavamo da 7 anni”, conclude Clarke.

Da non sottovalutare poi l’impatto positivo che il provvedimento potrebbe avere su un Paese dove circa una persona su quattro è obesa, anche se convincere gli americani ad andare in bicicletta non sarà impresa facile. Ecco perché la legge non diventerà attiva immediatamente ma solo in estate, dopo sei mesi di prove e campagne informative. E il bonus non varrà solo per chi deve andare a lavoro. I ciclisti per passione potranno infatti beneficiare ugualmente dei 20 dollari in più a patto di dimostrare di fare costante attività in bici o reinvestire i soldi per l’acquisto di una nuova bici o di oggetti legati all’attività ciclistica.

Maureen DeCindis, una giovane “pendolare della bicicletta” che ogni giorno pedala dalla cittadina di Tempe, in Arizona, fino a Phoenix, è felice di sapere che alla fine del mese la Maricopa Association of Governments le accrediterà 20 dollari netti in più sullo stipendio: “In tempi di crisi le persone cercano solo di risparmiare e questa legge le invoglierà a farlo. Io, che amo la bicicletta, posso garantire che pedalare poi fa benissimo, non solo al portafogli ma all’umore”.

“Certo, non diventeremo ricchi grazie a pochi spiccioli in più a fine mese – dice Willy Dommen, 49enne californiano che tutti i giorni pedala fino al San Francisco’s Financial District – ma per noi amanti delle due ruote si tratta di una conquista importante”.

29 ottobre, 2008 at 10:42 am Lascia un commento

Città senz’auto: il 22 settembre a Napoli e nel mondo

Come ogni anno è tornato l’appuntamento con la Settimana Europea per la Mobilità Sostenibile, che ha visto il suo culmine con la giornata del 22 settembre, articolata in vari eventi in giro per il mondo. Anche in Campania alcune (poche) città hanno partecipato, e a questo proposito vi riportiamo un interessante articolo del nostro amico Alessandro Ingegno, giornalista del Corriere del Mezzogiorno, che potete leggere qui sotto. Per aggiungere una nota tragi-comica, Eco dalle Città racconta che “a Napoli, dove il blocco era di tre ore, un automobilista ha investito un vigile che faceva rispettare il divieto”
Buona lettura! 

La città di Napoli aderisce alla “European mobility week”. Saranno presentate oggi dall’Assessore all’ambiente Gennaro Nasti e dall’Assessore alla mobilità Agostino Nuzzolo le iniziative previste per Napoli riguardanti la “Settimana europea sulla mobilità sostenibile” promossa dalla Comunità Europea. Il comune propone per l’occasione una serie di attività in tema di sostenibilità ambientale che si concluderanno il 22 settembre, il “World carfree day“. La giornata mondiale senza auto, organizzata dal World car free Network, vedrà la partecipazione di 1.337 città, circa 50 in più della passata edizione, tutte insieme per auspicare una mobilità sostenibile capace di contrastare l’inquinamento atmosferico. A Napoli la giornata libera dalle auto diventerà la “Domenica a piedi”, il 21 settembre(con replica domenica 28), quando dalle ore 10 alle 13 i cittadini saranno invitati a lasciare le proprie automobili a casa per godersi la città libera dal traffico e dai gas di scarico. L’iniziativa, inserita nella settimana europea sulla mobilità sostenibile, si ricollega al tema centrale dell’iniziativa comunitaria “Clean air for all”. Nella giornata di oggi invece, dalle ore 10 alle 13, simpatica iniziativa da parte dell’Anea in collaborazione con Metronapoli e Napoletanagas: nei pressi della funicolare centrale di piazzetta Augusteo saranno distribuiti gratuitamente, come premio per chi usufruisce del trasporto pubblico cittadino, i kit per il risparmio energetico e idrico composto da lampadine fluorescenti compatte e rompigetto aerati. La distribuzione di 1000 kit e di 1000 lampade otterrà il risultato di avere un risparmio pari a 29 tep, ed evitare l’immissione in atmosfera di 72.5 ton CO2, responsabile dell’effetto serra. Sempre in tema di aria pulita a Napoli il 22 settembre, in occasione del “World carfree day” ci sarà la giornata dedicata alla campagna “Bollino blu”, e la città partenopea risulta essere la prima città in Italia. A piazzale Tecchio fino alle ore 17 verranno effettuati controlli dal centro mobile di revisione, in collaborazione con la polizia municipale, l’Anea, e con i tecnici della Motorizzazione civile di Napoli, promuovendo controlli generali sulla sicurezza di auto e moto. Saranno monitorati inquinanti quali Co, Hc, e per i diesel il PM10, oltre che il rispetto della revisione periodica, del provvedimento bollino blu e delle ordinanze di limitazione al traffico. Durante il 2008, dall’inizio della campagna ad oggi, tra autovetture, veicoli commerciali, motocicli e ciclomotori, il numero di veicoli controllati ho raggiunto le 450 unità. La settimana europea della mobilità sarà quindi una vetrina, alla quale Napoli non poteva mancare, che mostrerà come ci potremmo sentire a vivere le nostre città senza il continuo rumore, senza lo smog e senza il traffico a cui siamo assuefatti. Il surriscaldamento del clima ci impone una seria presa di posizione in difesa del pianeta, e in quanto cittadini ci tocca imporre la nostra agenda ai politici, affinché diano priorità a scelte in favore dei trasporti pubblici, delle biciclette e dei pedoni. Migliaia di persone quindi celebreranno festosamente le città libere da auto, riempendo le strade di biciclette e qualsiasi altro tipo di trasporto fai-da-te, il tutto in un clima festoso che si propagherà lungo tutto il pianeta come un virus positivo.

Alessandro Ingegno da Corriere del Mezzogiorno

29 settembre, 2008 at 11:02 am Lascia un commento

A spasso nel carfree europeo

Non avrei mai immaginato che, intraprendendo una normalissima attività di servizio civile, sarei entrata in un mondo affascinante di cui non conoscevo minimamente l’esistenza, e che soprattutto ne sarei rimasta segnata. Tutto è cominciato grazie a Legambiente, alle sue mille attività di un ambientalismo a 360°. Quest’associazione ha avuto l’importante merito di avvicinarmi a problematiche serie rendendomi partecipe in prima persona, riuscendo a farmi sentire capace di contribuire alla causa anche nella mia piccola azione di volontaria di servizio civile.
Così insieme ai miei compagni di viaggio siamo subito stati sensibilizzati e messi a lavoro…
Leggi il seguito…

12 dicembre, 2007 at 2:42 pm 1 commento

Venerdì a Napoli seminario conclusivo progetto CYRONMED

Venerdì prossimo, 14 dicembre, a Napoli presso la Regione Campania (Via Nuova Marina, Sala Armieri) a partire dalle ore 9,00 si terrà una conferenza internazionale sul tema “Le reti ciclabili in area mediterranea: il progetto CY.RO.N.MED (Cycle Route Network of the Mediterranean)”. Nel corso dell’iniziativa, organizzata dall’Assessorato regionale campano all’Urbanistica, all’interno del seminario finale di progetto, verrano illustrati:

- una sintesi dei risultati degli studi di fattibilità realizzati da ciascuno degli otto soggetti partner (Regioni Puglia, Basilicata, Calabria e Campania, Ministero Sviluppo Urbano di Malta, Ente Turismo di Cipro e Municipalità di Atene e Karditsa);
– la collocazione di CYRONMED nel contesto di riferimento nazionale ed internazionale;
– le prospettive concrete di realizzazione degli itinerari principali della Rete CYRONMED, corrispondenti alle ciclovie delle reti EuroVelo e Bicitalia che attraversano l’area euromediterranea interessata, all’interno della programmazione territoriale e finanziaria delle Amministrazioni partner di progetto. Tra gli interventi dei rappresentanti delle Istituzioni, previsti quelli di Paolo Piacentini, capo della segreteria  tecnica del Ministro dell’Ambiente e di Anna Donati, presidente della commissione trasporti e lavori pubblici del senato.

Siete tutti invitati a partecipare.

12 dicembre, 2007 at 12:23 am Lascia un commento

Buone notizie per l’ambiente: saltano gli incentivi alla rottamazione

(o meglio, alle case automobilistiche)

Legambiente: “bene, non servono a ridurre lo smog e sono solo regalo a case automobilistiche”

“Siano contenti che gli incentivi alla rottamazione siano saltati. Le esperienze passate hanno dimostrato che si tratta di un provvedimento di scarso impatto sul fronte dell’inquinamento e che favorisce esclusivamente le case automobilistiche”.

Così Legambiente si esprime sul dietrofront del governo rispetto all’idea di inserire la rottamazione in Finanziaria.

“Speriamo che questa saggia decisione non vada incontro a ripensamenti. Per combattere lo smog che soffoca le nostre città serve tutt’altro: le soluzioni giuste sono quelle che riducono il numero di automobili dai centri urbani, non quelle che le sostituiscono con nuovi modelli”.

5 dicembre, 2007 at 8:03 am Lascia un commento

…meno 1000 treni: cosa si prospetta per i pendolari campani

pendolaria

Nei giorni scorsi avevamo rilanciato dal nostro blog la notizia del taglio in Finanziaria dei fondi per il trasporto ferroviario, partendo da quelli per il progetto cosiddetto dei ‘1000 treni’, ai quali si era poi aggiunto l’ammanco di

425 milioni di euro per i contratti di servizio con le regioni. In pratica, un taglio netto

del 25% rispetto a quanto previsto per il 2008, come dire 1 treno in meno su ogni 4, sulle linee pendolari più calde.

Il taglio paradossalmente per produrre risultati dovrebbe essere proprio sulle linee più trafficate, perchè nei cosiddetti “rami secchi” tagliare ancora significherebbe la chiusura dei binari, e verrebbe quindi spalmato nelle diverse città interessate dal servizio regionale e metropolitano.

Dove? Il grosso dei tagli sarebbe nelle città del centro-nord. Nelle altre regioni i tagli riguarderebbero sicuramente le (poche) linee con servizio metropolitano e inoltre sarebbero spalmati sulle diverse linee regionali, nell’ordine di 1-2 treni cancellati per tratta.

Dando uno sguardo da più vicino a quello che si prospetta per i pendolari campani, a Napoli riguarderebbe le due linee di Trenitalia più frequentate dai pendolari, la Salerno-Napoli e la Villa Literno-Napoli.

Legambiente chiede che il parlamento intervenga per ristabilire un ordine di priorità per gli investimenti nei trasporti. Perché non ha alcun senso investire nelle autostrade e abbandonare a se stesso il trasporto pendolare ferroviario gestito dalle Regioni. Rivedere queste scelte ha tanto più senso perché il bacino della domanda pendolare è 10 volte superiore a quello che ogni giorno si sposta sui treni a percorrenza nazionale (2 milioni contro 200mila circa) e perché il trasporto locale su ferro contribuisce alla riduzione di traffico e smog nelle aree metropolitane italiane.

Su www.legambiente.eu è possibile firmare la PETIZIONE indirizzata a Prodi e ai Ministri Letta, Bianchi e Pecoraro Scanio.

4 dicembre, 2007 at 5:57 pm Lascia un commento

Tuteliamo i diritti dei Ciclisti insieme alla FIAB

Rilanciamo dal nostro blog la proposta di legge avanzata dalla FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) per tutelare i diritti dei ciclisti.
Appoggiamo la Fiab nella sua battaglia di civiltà, forti della convinzione che il ciclista non debba essere considerato solo come un’allegra specie a rischio di estinzione relegata alle domeniche ecologiche, ma a tutti gli effetti un degno protagonista delle strade di una città che voglia definirsi a misura d’uomo.

Tuteliamo chi sceglie la bicicletta per andare al lavoro.

Proposta di legge per il riconoscimento dell’infortunio in itinere

Presidente del Senato

Al Presidente della Camera dei Deputati

Proposta di legge FIAB
Nell’ambito delle politiche a favore della mobilità sostenibile e, in particolare, dell’incentivazione dell’uso della bicicletta, all’art. 12 del decreto legislativo n. 38 del 23/2/2000, dopo la frase “L’assicurazione opera anche nel caso di utilizzo del mezzo di trasporto privato, purché necessitato” è aggiunto quanto segue: “L’uso della bicicletta è comunque coperto da assicurazione, anche nel caso di percorsi brevi o di possibile utilizzo del mezzo pubblico.”

Per leggere il testo integrale, e per aderire online cliccate qui!

30 novembre, 2007 at 8:18 pm 2 commenti

Articoli meno recenti


parla con noi!

Per contattarci puoi lasciarci un commento qui nel blog, o scriverci una e-mail all'indirizzo mobilitasostenibile(at)gmail.com.

Abbonati a questo feed

laboratorio mobilità sostenibile

world carfree network

Ad Free Blog

siete passati di qui in

  • 6,049

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.